Bambini in festa! Al Bambino Gesù arriva il circo

L'iniziativa del Dicastero per il Servizio dello Sviliuppo Umano Integrale in collaborazione con l'Ospedale Pediatrico della Santa Sede e il Rony Roller Circus

Bambini in festa! Al Bambino Gesù arriva il circo

Clown, giocolieri e acrobati del Rony Roller Circus hanno "invaso" oggi gli spazi dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, per portare un pò di allegria e qualche sorriso ai piccoli ricoverati e alle loro famiglie.

Dopo la messa, celebrata dal Card. Peter K.A Turkson, Prefetto del Dicastero, un primo spettacolo si è tenuto all'interno della Ludoteca dell'Ospedale, un secondo, più ampio e articolato con acrobazie, giochi di prestigio e piccoli sketch si è svolto nei pressi del Castello dei Giochi. Gli artisti del circo hanno poi fatto visita ad alcuni reparti per salutare anche quei bambini impossibilitati a uscire dalle proprie stanze. 

L’iniziativa, organizzata dal Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale in collaborazione con il Bambino Gesù anche in vista della Giornata Mondiale del Malato che si celebra l’11 febbraio, è stata accompagnata dal Card. Turkson e da Mariella Enoc, Presidente dell'Ospedale della Santa Sede. Essa si inserisce in un cammino pastorale che il Dicastero promuove fin dalla sua nascita (avendo assorbito le competenze dell’ex Pontificio Consiglio per i Migranti e gli Itineranti) a favore di circensi e fieranti, con un focus specifico sulla tutela della dignità dei lavoratori e di coloro che operano nel settore dello “spettacolo viaggiante e itinerante”. Tra le aree di intervento del Dicastero rientra anche la pastorale degli Operatori sanitari. Da qui l’idea del circo in ospedale, nata assieme al Bambino Gesù, Istituzione della Santa Sede, che garantisce oltre 600 posti letto e quasi 29 mila ricoveri l’anno e che nel 2019 ha festeggiato il 150° anniversario della sua fondazione.

"Regalare ad un piccolo ricoverato un ricordo di gioia legato ad un momento delicato della sua vita – ha sottolineato Turkson nel corso della visita – significa alleggerire il suo carico di dolore, alleviare quello dei genitori che lo accompagnano e, perché no, sollevare anche un po' medici ed infermieri, donando loro un pizzico di letizia per nutrire la straordinaria missione che ogni giorno realizzano a servizio degli altri".

Mariella Enoc, nel ringraziare gli artisti per il messaggio di gioia e di coraggio portato ai piccoli pazienti dell'ospedale, ha detto: "Gli artisti del circo sono gli artisti più veri: spesso anonimi e sempre coraggiosi hanno l'unica missione di portare felicità".

17 gennaio 2020