Il Papa, il Grande Iman del Cairo e la Giornata Internazionale per la Fratellanza Umana

Il Papa, il Grande Iman del Cairo e la Giornata Internazionale della Fratellanza Umana

Un articolo del Card. Michael Czerny, SJ, tratto da www.igNation.ca - il blog dei gesuiti canadesi

Il Papa, il Grande Iman del Cairo e la Giornata Internazionale della Fratellanza Umana

Il Santo Padre celebrerà il 4 febbraio la prima Giornata Internazionale della Fratellanza Umana, ricorrenza annuale istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Incontrerà virtualmente il Gran Imam di Al-Azhar, Ahmad Al-Tayyeb, ad Abu Dhabi.

Il 4 febbraio è entrato nel calendario mondiale delle commemorazioni significative.

In quel giorno del 2019, durante il suo viaggio apostolico negli Emirati Arabi Uniti, Papa Francesco ha co-firmato il Documento sulla fraternità umana per la pace nel mondo e la convivenza con il Grande Imam di Al-Azhar (Cairo), Ahmad Al-Tayyeb. Questo Documento solleva i grandi temi che, 20 mesi dopo, saranno ripresi e sviluppati nell'Enciclica Fratelli tutti.

L'incontro senza precedenti di Abu Dhabi ispirò presto la creazione del Comitato Superiore della Fraternità Umana. I membri, un gruppo internazionale di leader religiosi e culturali e di studiosi, sono dedicati a condividere il messaggio del Documento di comprensione reciproca che porta alla pace. Il Comitato progetta di stabilire una Casa della Famiglia Abramitica con una sinagoga, una chiesa e una moschea una di fronte all'altra intorno a un parco sull'isola Saadiyat nella capitale degli Emirati Arabi Uniti.

Il 21 dicembre 2020, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato il 4 febbraio come Giornata Internazionale della Fratellanza Umana. Nell'edizione del gennaio 2021 del "Video del Papa", intitolata "Al servizio della fraternità umana", il Santo Padre sottolinea l'importanza di concentrarsi su ciò che è essenziale per le credenze di tutte le religioni: l'adorazione di Dio e l'amore per il prossimo. "La fraternità ci porta ad aprirci al Padre di tutti e a vedere nell'altro un fratello, una sorella, per condividere la vita, o per sostenersi a vicenda, per amare, per conoscere".

La pianificazione della Santa Sede per l'inaugurale Giornata Internazionale della Fratellanza Umana si è svolta sotto la guida del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. Il Consiglio è stato creato nel 1964 da Papa Paolo VI per lavorare sulle relazioni e il dialogo tra la Chiesa cattolica e i fedeli di altre religioni. Tiene incontri interreligiosi, pubblica una varietà di materiali e collabora con i vescovi e le conferenze episcopali su questioni relative al dialogo interreligioso.

Oggi, 4 febbraio, Papa Francesco e il Grande Imam Ahmad Al-Tayyeb partecipano virtualmente a un evento ospitato dallo sceicco Mohammed bin Zayed, principe ereditario dell'Emirato di Abu Dhabi, con la partecipazione del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres e altre personalità. L'evento sarà trasmesso su Vatican News alle 8:30 (EST).

Il Cardinale Miguel Ángel Ayuso Guixot, MCCJ, Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, dice che la celebrazione "risponde ad un chiaro appello che Papa Francesco sta facendo a tutta l'umanità per costruire un presente di pace nell'incontro con l'altro". Aggiunge che "nell'ottobre 2020, quell'invito è diventato ancora più vivo con l'Enciclica Fratelli tutti" e commenta che "questi incontri sono un modo per realizzare una vera amicizia sociale, come ci chiede il Santo Padre".

Il giudice Mohamed Mahmoud Abdel Salam, Segretario generale del Comitato Superiore di Fraternità Umana è d'accordo con questa prospettiva. Nella sua presentazione alla conferenza di lancio di Fratelli tutti, ha osservato che "In questa fase decisiva della storia umana, siamo a un bivio: da un lato, la fraternità universale in cui l'umanità gioisce, e dall'altro, una miseria acuta che aumenterà la sofferenza e la privazione dei popoli."

In futuro, a partire dal 2022, con l'esperienza di questa prima celebrazione della Giornata Internazionale della Fratellanza Umana e con più tempo per prepararsi, le Chiese locali saranno incoraggiate e aiutate a partecipare attivamente con eventi interculturali e interreligiosi che segnino questa data.

Nell'udienza settimanale di ieri (mercoledì 3 febbraio), Papa Francesco ha detto: "Sono molto contento che le nazioni di tutto il mondo si uniscano a questa celebrazione, volta a promuovere il dialogo interreligioso e interculturale... La risoluzione delle Nazioni Unite riconosce "il contributo che il dialogo tra tutti i gruppi religiosi può dare per una migliore consapevolezza e comprensione dei valori comuni condivisi da tutta l'umanità". Che questa sia la nostra preghiera oggi e il nostro impegno ogni giorno dell'anno.

04 febbraio 2021